Abbiamo parlato molto del Coronavirus e di come questo si diffonda rapidamente per via aerea, tuttavia, oltre a questo virus, ve ne sono moltissimi altri intorno a noi. Virus e batteri, infatti, costellano l’ambiente che ci circonda. Come combattere efficacemente questi minuscoli nemici della nostra salute? Conoscerli è il primo passo.

I virus, dei quali vi abbiamo già raccontato nel nostro scorso articolo, e i batteri sono microorganismi invisibili all’occhio umano. I primi sono costituiti da materiale genetico racchiuso in un involucro di proteine e da una membrana più esterna detta pericapside, costituita da fosfolipidi e proteine, i secondi sono dei microrganismi unicellulari poco più grandi dei virus e  si riproducono autonomamente nell’ambiente e anche in vari tessuti del corpo umano. I batteri sono anche tra le forme viventi più diffuse del nostro pianeta. Per esempio, in un solo cucchiaio di terreno è possibile trovarne fino a 10.000 miliardi.

I virus possono infettare gli esseri umani in svariate maniere: via aerea, via alimentare, tramite rapporti sessuali o attraverso vettori come gli insetti e possono causare disturbi a un apparato o a tutto l’organismo. I batteri, invece, non sono tutti nocivi. Quelli “commensali” sono comunemente presenti sulla pelle e sulle mucose per lo svolgimento di alcune funzioni metaboliche e per le difese immunitarie. Altri tipi di batteri, definiti “patogeni“, invece, possono essere aggressivi e danneggiare i tessuti e gli organi. Questi ultimi sono causa di infezioni localizzate a un organo o all’intero organismo, arrivando a volte a diffondersi anche nel torrente circolatorio, causando batteriemie e sepsi. Anche i batteri, come i virus, possono sopravvivere e moltiplicarsi nell’ambiente e possono essere trasmessi esattamente tramite le stesse maniere sopracitate.

Forse non lo sapevate, ma anche i vostri smartphone sono pieni di microbi. Ospitano l’80% dei più comuni batteri umani. Pensate ora a quanti virus e batteri possano annidarsi su un carrello di un supermercato, una tastiera di un bancomat, un corrimano di un palazzo, in uno spogliatoio di una palestra o una poltroncina di un cinema. 

Per sconfiggere i virus e i batteri patogeni è necessario pulire costantemente gli ambienti che ci circondano, ma non solo. Data la diffusione attuale del Covid19, le autorità hanno caldamente raccomandato di procedere alla sanificazione di tutte quelle realtà che hanno, o che hanno avuto, un costante flusso di persone al loro interno.

Difatti, per contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus la norma prevede una sanificazione periodica di locali, banche, supermercati, cinema, teatri, bar, ristoranti, cliniche, chiese, condomini, aree di lavoro, di studio e enti pubblici.

Attraverso la sanificazione è possibile eliminare germi, funghi, virus e batteri dagli ambienti. La disinfezione è consigliata ad intervalli regolari, da effettuarsi durante tutto l’anno, ma soprattutto adesso, prima delle riaperture post-quarantena.

Lo stato Italiano ha deciso di agevolare questo impegno da parte degli esercenti attraverso un credito di imposta composto dal 50 per cento delle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro (fino ad un massimo di 20.000 euro e fino all’esaurimento dell’importo massimo di 50 milioni di euro per l’anno 2020.).

Questa agevolazione è stata chiamata “Decreto Cura Italia” ed è sicuramente utile a tutti quelli che dovranno sottoporsi alla sanificazione del proprio negozio o della propria struttura. Attraverso il nostro innovativo metodo “NO TOUCH” non dovrete preoccuparvi dell’eventuale danneggiamento dei beni presenti nelle aree da sanificare, in quanto la nebulizzazione di acqua e del biocida disinfettante a base di perossido di idrogeno stabilizzato nell’ambiente permette di sanificare ogni punto e superficie della stanza senza danneggiamenti o residui. Un metodo unico firmato Mast Spa e RENTACS.

Contattaci per scoprire di più sui nostri servizi e sui nostri metodi di pulizia e sanificazione.